BookingBooking

VELA VRATA HOTELVELA VRATA

Vela Vrata, l' arco di sassi all' entrata della cittavecchia di Buzet ed accanto al quale si trova l' albergo Vela Vrata attrae ed affascina i più diversi visitatori da secoli…

Secondo la leggenda gli orchi che costruirono le città dell' Istria centrale, e tra loro anche Buzet, furono cacciati dagli gnomi malvagi che spalmarono di un veleno nero il loro cibo preferito, il tartufo bianco. E così, dopo essersene andati dall' Istria antica, gli orchi lasciarono per sempre il tartufo nero diventato per loro completamente incommestibile. Girano ancora delle storie che parlano del tartufo nero come del gioiello del diavolo o seme infernale.

Tra le tante leggende istriane ne esiste una secondo la quale il figlio dell' orco Dragonja, l' orco Gorazd, vive ancora nascondendosi nei boschi dell' Istria, nel paesaggio giallo dorato che circonda Vela Vrata.

Se comunque decidete di andarvene dalla tranquilla valle del fiume Mirna e di attraversare l' arco Vela Vrata e vi avviate verso la cittavecchia di Buzet, la strada Vi porterà ad un mondo di vecchi palazzi barocchi, di fortezze rinascimentali e ad una parrocchia costruita nella roccia. Attraverserete le stesse strade che una volta, durante il breve periodo nel quale l' Istria apparteneva a Napoleone, furono attraversate da un soldato francese, probabilmente per amore, il quale svelò il segreto della produzione dello spumante ad una giovane donna locale. La strada sulla quale si trova l' arco Vela Vrata fu una volta attraversata dai Romani che abitavo questi territori, ma anche dagli Illiri, dai Bizantini e dai membri della Serenissima Repubblica di Venezia.

Vela Vrata, l’ arco costruito dal capitano G. Contarini nel lontano 1547, nel periodo d’oro della città di Buzet, è aperto per tutti e vi accoglie nel mondo misterioso e armonico dell' Istria centrale.

Entrate…